Gigli toscani con ragù alla salsiccia e ricotta

Buongiorno a tutti, avete già cucinato? No?
Ok, oggi si mangiano gigli toscani con ragù di salsiccia e ricotta.

Vi ricordate di Amici miei? Ve ne ho parlato qualche settimana fa qui.
Ricorderete forse che produce solo alimenti (ma non solo) biologici e di primissima qualità , quindi oggi voglio mostrarvi per questa ricetta come coniugare la bontà (=qualità) alla bontà (=sapore)…gioco di parole per presentarvi la loro pasta trafilata al bronzo e l’olio EVO, entrambi rigorosamente bio.

Ok, allora prendete carta e penna e segnatevi gli ingredienti.
Allora prendete per due persone:

  • Pasta Gigli toscani Amici miei
  • Salsa di pomodoro di ottima qualità (non faccio nomi, ma evitate i prodotti di serie B)
  • Sale q.b.
  • Olio Extra Vergine d’Oliva IGP Toscano “Antico Borgo Amici miei
  • una fettina di cipolla
  • qualche grano di pepe verde in salamoia Tec-Al
  • Salsiccia una  (io ho usato il tipo Napoli con rucola e provola, ma anche altri tipi vanno bene… de gustibus)
  • ricotta fresca q.b. (io ne avrò usata 150 gr.)
  • vino rosso q.b.
  • abbondante grana/parmigiano grattugiato
  • qualche Grok Classico da sbriciolare
  • basilico fresco per guarnire.


Allora… spellate la salsiccia e sminuzzatela, mettetela in una pentola con l’olio EVO e (ma solo se vi piace) una fettina di cipolla, qualche grano di pepe verde e fate soffriggere giusto qualche minuto per insaporire, aggiungete una spruzzatina di vino rosso secco (ma che sia di buona qualità), lasciate sfumare e poi togliete dal fuoco.

Eliminate la cipolla, se l’avete messa, aggiungete la salsa di pomodoro e aggiustate di sale, poi coprite con adeguato coperchio (io utilizzo il Magic Cooker per esempio che consente di cuocere il sugo a fuoco lentissimo, senza mai asciugarlo più del necessario, vedi la mia review QUI), portate a bollore e a quel punto, abbassate la fiamma e lasciate che cuocia tutto insieme per un po’ di tempo, perchè i sapori si amalgamino bene fra loro, finchè il sugo non avrà raggiunto la cottura, ma soprattutto la consistenza che preferite (io per esempio non amo i sughi troppo ristretti).

Nel frattempo avrete messo sul fuoco l’acqua per la pasta e, quando verrà su il bollore, la salerete e calerete la pasta (i gigli toscani) in una quantità adeguata al vostro appetito.
Mentre la pasta arriva a cottura, provvederemo a completare il nostro sugo.

Mentre il ragù di salsiccia ancora pippea (traducete con un leggero sobbollire) versatevi la ricotta fresca, qualche Grok sbriciolato (Li vedete quei “pallini” nella ricotta? Slurp, avrà un bell’effetto saporito e croccantino) ed una generosa manciata di parmigiano/grana grattugiato e amalgamate gli ingredienti direttamente sul fuoco, mantenendo la fiamma bassa.



Quando sarà quasi pronta (ovvero attenti alla cottura, dev’essere leggermente al dente), scolatela bene e versatela nel sugo di pomodoro e ricotta. 

Lasciate amalgamare il tutto (proprio come fareste mantecare un risotto) su fiamma bassa finchè il formaggio si legherà perfettamente alla pasta trafilata al bronzo.

Ora ponete in un piatto di portata e decorate con foglioline di basilico crudo spezzettato.


Vero che è proprio bella la mia pasta?
E sapeste che buona… 🙂




Annunci

39 pensieri riguardo “Gigli toscani con ragù alla salsiccia e ricotta

  1. ..ma che spettacolo di pasta che hai preparato!!! deve essere proprio squisita, e vista che ancora non ho preparato il pranzo mi hai dato un'ottima idea!!!! anche il formato secondo me si sposa bene con questo sughetto!!!

    Mi piace

  2. Certo che mi ricordo di Amici Miei,il marchio mi ha alquanto incuriosita e spero di provare presto alcuni prodotti che propone.. la scelta è ampia e tutta stuzzicante! Un piatto che si mangia con gli occhi.. mai provati i gigli toscani, vedrò di rifarmi quanto prima! Buon sabato, ciao .

    Mi piace

  3. Una ricetta invitante ed appetitosa! Si presenta anche molto bene! DEvo provare a replicarla! Complimenti per la creatività! In questi giorni di gran cald è fondamentale proporre cibi che siano gustosamente invitanti!

    Mi piace

  4. Il piatto è invitante e la materia prima di ottima qualità, l'unico dubbio riguarda la posata. Devo mangiare utilizzando la forchetta o il cucchiaio…
    Erry

    Mi piace

  5. Mai sentiti questi Gigli Toscani – conosco diversi tipi di pasta ma questa non la avevo mai sentita – la ricetta la trovo molto interessante. Assaggerei volentieri questo piatto ma non ora con questo caldo (mi passa la voglia di pasta e di ogni altra cosa calda) Bellissimo e buonissimo mi sembra il sughetto

    Buon Fine Settimana

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...