Risotto alla (quasi) murales…

Su su, ragazzi, è ormai autunno, arrivano i primi freddi ed è ora di preparare quei bei piatti tipicamente ottobrini (ma anche novembrini o dopo…) che sembrano fatti apposta per scaldare corpo e anima.

Oggi vi voglio proporre una pietanza di cui probabilmente ognuno ha la sua ricetta personale, rielaborata spesso dalla ricetta di qualcun altro.


E proprio così ho fatto a suo tempo io, che ho fatto mia la ricetta di un amico (Murales, appunto,web-designer e food-blogger di lunga data), aggiungendo e togliendo qualche ingrediente qua e là per creare la mia ricetta del celebre…(rullo di tamburi)…

Risotto alla zucca alla (quasi) Murales!

Il  “quasi” è perchè la sua ricetta in effetti aveva in più le patate, la salsa di soia…e qualche altro particolare che ora mi sfugge, mentre io da pessima alunna (pessima o brava? In fondo le ricette vanno personalizzate, non seguite pedissequamente) ho cambiato qualcosa qua e là.

Ma bando alle ciance, oggi vi passo la mia ricettina per un risottino saporito e di bell’aspetto.


Allora…carta e penna alla mano, vi serviranno questi…

Ingredienti (per 2 persone):


  • zucca (io de gustibus ne metto un bel po’, circa 700 gr. ma mezzo chilo basta di solito)
  • riso
  • Olio extravergine di oliva (io uso Coricelli fruttato) q.b.
  • sale q.b.
  • peperoncino q.b. (dipende da quanto pizzica il vostro, di solito ne basta uno)
  • aglio (uno spicchio)
  • Vino rosso secco di buona qualità
  • rosmarino q.b.

a cubetti piccoli…
Premettiamo che bisogna scegliere una zucca di buona qualità, quella bella soda e a polpa arancione vivo (non scegliete quelle pallidine, con mille filamenti in vista), quindi consiglio di prendere anzichè una zucchetta intera, il cui contenuto sarà una lotteria, quella grande già affettata di modo da poter verificare prima se è adatta o meno.

Dove abito attualmente, l’Esselunga vende una qualità molto gustosa e di un bellissimo color arancio vivo, la zucca napoletana… modestamente abbiamo pure la zucca personalizzata: noi la chiamiamo ‘a cocozza 🙂

versiamo la cocozza nel soffritto

Anzitutto tagliamo la polpa della zucca a cubetti non troppo grandi.
Poi, in una pentola ampia (o anche meglio un wok o una padella alta e larga), mettete a soffriggere aglio, olio e peperoncino.

schiacciamo con la “cucchiarella”
Quando l’aglio sarà ben imbiondito, versatevi la zucca a pezzetti, salate a piacimento, rimestate bene con un cucchiaio di legno (la cucchiarella, diciamo noi),  e coprite con un coperchio (io uso Magic Cooker) finchè la zucca si cuocerà (a fiamma bassa) e si ammorbidirà tanto che, con il suddetto cucchiaio, potrete schiacciarla per farne un composto quasi cremoso (non esagerate con frullatori a immersione e simili, non c’è bisogno che sia omogeneizzato).

versiamo un rosso secco


Versatevi ora il vino rosso (se preferite un sapore meno deciso, usate un buon bianco secco, ma secondo me perde qualcosina…) e poi lasciate che si asciughi un po’.

ora il riso…




Non aggiungete acqua per ora, tenete la fiamma bassa e aggiungete il riso, rimestando per bene.




brodo di rosmarino

Nel frattempo, mettete sul fuoco un pentolino con un pizzico di sale e una manciata di rosmarino, aspettate che bolla e abbassate la fiamma, senza spegnere.
una mestolata per volta



Man mano che il liquido nel risotto si asciuga, versatevi un mestolo di brodo di rosmarino (filtratelo con un colino da tè, se non gradite gli aghi) e rimettete il coperchio, rimestando spesso fino a che sarà giunto alla cottura e alla consistenza giusta.
mantechiamo con il burro…

Quando sarà cotto (mi raccomando che sia cotto, non scotto: non è una minestra, ma un risotto!), spegnete la fiamma e aggiungete prima un po’ di burro (non margarina, la differenza si sente, eccome)…

e poi con il formaggio grattugiato


…e poi tanto parmigiano/grana grattugiato per mantecare, mescolando bene per non rischiare che non si amalgamino gli ingredienti.





Servite a tavola a piacere con o senza altro formaggio grattugiato in superficie…et voilà! Ecco il mio risottino!!!
il piatto pronto

 Che ne dite? Non vi pare appetitoso?

Non voglio giudicarne l’aspetto, ma giuro che il sapore è eccellente 🙂

Annunci

67 pensieri riguardo “Risotto alla (quasi) murales…

  1. Mi piacciono molto i risotti e assaggerei volentieri il tuo perché già dalla fotografia si può vedere che è un piatto eccezionale. Complimenti per come hai spiegato la realizzazione di questo risotto e per come l'hai preparato.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...