Arunda-Vivaldi. Bollicine dall’Alto Adige!

Molti di voi (almeno chi mi legge con una certa frequenza) sapranno che io sono letteralmente innamorata dell’Alto Adige da diversi anni ormai (basta leggere il mio post sul Mercatino di Natale di Bolzano, per chi voglia farsene un’idea) ed è per questo che da quando ho internet di continuo sbircio i vari siti web che mi riportino almeno con il pensiero in luoghi che io e la mia famiglia amiamo profondamente, dal sito dei Mercatini di Natale a quello del comune di Bolzano o sul sito ufficiale dell’Alto Adige, cercando di carpire tutte le informazioni possibili, sempre a programmare la prossima vacanza o un weekend mordi-e-fuggi.


E proprio su uno dei  siti ufficiali dell’Alto Adige, ho scoperto  l’ennesimo capolavoro con marchio SudTirol e stavolta si tratta di vino.
Un vino decisamente diverso da quello che avevamo sempre consumato in casa nostra, mio marito ha sempre ostinatamente comprato vino rosso, fermo e secco (beve molto poco,  intendiamoci,  ma sempre e solo di buona qualità), mentre stavolta si trattava dell’esatto opposto, ovvero di spumante.
La mia proposta per lui è stata semplice e chiara: “Ti ha forse mai deluso l’Alto Adige?”
La risposta era scontata: MAI.

Specifichiamolo subito…non stiamo parlando degli spumantini economici che troviamo nelle confezioni regalo di Natale insieme al pandoro, parliamo di prodotti di altissima qualità…ed a marchio SudTirol, che presuppone che tutta la filiera di produzione (quindi a partire dall’uva in questo caso) avvenga in territorio altoatesino.


Lasciate allora che vi presenti l’azienda che è stata capace di far cambiare idea al mio ostinato marito in fatto di vino: Arunda-Vivaldi.

Quattro passi sui monti del SudTirol…

A 1200 metri d’altezza si trova il tranquillo paese alpino di Meltina, adagiata su un tranquillo altopiano.

Qui grazie ad un ambiente  incontaminato e un clima ideale che favorisce una maturazione ottimale dei vini, nel 1979 nasce una piccola azienda, la più alta cantina metodo classico d’Europa, che  produce  spumanti targati Alto Adige, bollicine pregiate seguite con cure artigianali e passione per una qualità senza compromessi.

Il nome Arunda deriva da una montagna situata in Val Venosta, ma si è deciso di ribattezzare Vivaldi i vini destinati al mercato italiano, per sottolineare le proprie radici e l’attaccamento alla propria terra, ma insieme  il desiderio di comunicare con gli appassionati del vino di tutto il mondo.

Infatti, chi ha la fortuna di visitare le loro cantine (basta una telefonata quando ci si trovi in zona), frequentemente incontrerà persone di diversa provenienza, lingua e cultura, ma che riescono a dialogare e a capirsi grazie al linguaggio universale del vino e delle bollicine di qualità.



Questa cantina sotterranea è studiata per consentire, in modo razionale, lo svolgimento delle diverse fasi di spumantizzazione dei vini, con una produzione media intorno alle 70.000 bottiglie, ovvero circa la metà della spumantistica metodo classico altoatesina.

Le “bollicine di montagna” sono realizzate con la stessa tecnica secolare dello Champagne: una seconda fermentazione del vino in bottiglia ed un lunghissimo affinamento sui propri lieviti, mai inferiore a 24 mesi, ma che nelle riserve arriva sino a cinque anni, operazioni svolte con quella passione e pazienza uniche che danno armonia e equilibrio ad ogni vino Arunda-Vivaldi.

Arunda Vivaldi è una piccola azienda che non dispone di vigneti di proprietà, perciò seleziona le tre varietà di uva utilizzate, ovvero Chardonnay, Pinot bianco e Pinot nero, da vignaioli di fiducia che operano in Alto Adige, quindi seleziona uve provenienti da terreni e microclimi differenti (Terlano, Appiano monte, Cornaiano, Pochi di Salorno), per ottenere cuvée complessi e dalla grande ricchezza d’espressione.

L’azienda è rigorosamente a conduzione familiare e coinvolge direttamente  tutti i suoi elementi che, in armonia fra loro, fanno delle uve altoatesine un piccolo capolavoro frizzante.


Lasciate ora che vi presenti una per una le varietà di spumante Arunda-Vivaldi che ho avuto il piacere di portare in tavola.

ARUNDA BRUT METODO CLASSICO


Le caratteristiche: ha un perlage ricco e persistente, colore paglierino verdognolo di bell’intensità, brillante, luminoso.
L’Arunda Brut mostra profumi fruttati, ampi, di notevole fragranza, con una leggera punta aromatica, che richiamano la mela golden (d’altronde l’Alto Adige è famoso per le sue deliziose mele) ed i fiori bianchi. 

Il suo gusto piacevolmente fruttato, ma insieme cremoso e vinoso, lo rende uno spumante gradevolissimo da  bere grazie all’equilibrio tra un tocco di zucchero residuo e una nota amarognola che sa di mandorla.


Il gusto è molto morbido ed il frutto è ben espresso.

Come sottolineavo precedentemente, è prodotto con la stessa secolare  tecnica dello Champagne ed è affinato per un periodo di almeno 24 mesi.

E’ uno spumante davvero buonissimo e di facilissimo approccio, ottimo e consigliabile come aperitivo, ma posso personalmente consigliarlo anche per accompagnare il pesce o una buona fetta di strudel di mele.


con spaghetti alle alici e con orata all’acqua pazza

L’abbinamento che ho utilizzato io è stato il pesce: semplici ma gustosi spaghetti alle alici salate ed orata all’acqua pazza (o quasi…più in là la ricetta nel dettaglio).


Dati analitici

Alcol: 12.5 %Vol
Aciditá: 6,5 gr/l
Estratto secco 20,0 gr/l
Dosaggio 6,0 g/l
Composizione:
50% Chardonnay
30% pinot bianco
20% pinot nero
______________________________________________________

ARUNDA RISERVA  EXTRA BRUT MILLESIMATO

L’Arunda-Vivaldi di maggior pregio a mio parere.
Ha un ottimo perlage, sottile e vivace, è di colore paglierino dorato carico.

L’Extra Brut millesimato mostra un naso molto ricco, fitto, con note di cioccolato bianco e ricordo di Cognac, sa di crosta di pane tostato e frutta secca, che vanno a comporre un bouquet complesso.

Al gusto dà immediatamente la sensazione di vino importante, di grande spessore, con una bocca piuttosto fresca nonostante la ricchezza, l’ampia struttura e la notevole persistenza.



Non è semplicemente uno spumante, ma un vino da veri intenditori, pensato per essere esaltato a tavola, ma anche per per esaltare, piatti impegnativi a base di pesce, anche in preparazioni salsate.

con il branzino…



Io infatti l’ho abbinato ad un branzino in salsa leggera di spezie, limone e…spumante Riserva Extra Brut Arunda 🙂


…e con il risotto




Ma anche ad un gustoso risotto con funghi e salsiccia…mio marito continuava a lamentarsi che non avrei mai dovuto “sciupare” uno spumante così buono solo per un risotto…ma quando lo ha assaggiato, non ha potuto che notare la incredibile differenza nel sapore rispetto ai “soliti” vini.

L’analisi sensoriale denota che ad un perlage straordinario e vivace fa riscontro un bouquet particolare e complesso,  nell’incontro di note floreali, accenni di miele (insieme a cioccolato bianco e frutta secca), mentre contemporaneamente si nota una componente di frutta esotica come ananas, pompelmo e mango.

Alla degustazione, lo spumante Millesimato mostra subito la sua ambizione masculina,  mentre risulta espressivo e persistente per freschezza e ricca sapiditá.

Vi ricordo che Arunda Riserva extra brut si affina per un
periodo di almeno 50 mesi, il mio era addirittura del 2008: oltre 5 anni!


Composizione
60 % Chardonnay
40 % Pinot nero (in bianco) sempre solo dell’annata indicata
Dati analitici
Alcol: 12.8 %Vol
Aciditá: 6,5 gr/l
Estratto secco 20,0 gr/l
Dosaggio 4,0 g/l
SO2 sotto 110 mg/l.
______________________________________________________

ARUNDA BRUT ROSÉ

Dulcis in fundo, ma paradossalmente il primo che abbiamo assaggiato, nonchè quello che ha fatto radicalmente cambiare opinione a mio marito, che come vi dicevo in principio, si era sempre mostrato poco propenso alle bollicine…il rosè.

La Descrizione sul sito recita:

Non un  vinello qualsiasi, ma uno spumante piacevolissimo, pimpante, pieno d’allegria, che sembra pensato apposta per esaltarsi in accompagnamento a salmone affumicato selvaggio scozzese o canadese della migliore qualità, a trota salmonata, pesci di mare di buona struttura.

notate il gatto quant’è interessato…

E poichè mi sono immediatamente fidata dei consigli di Arunda, proprio con il salmone ho servito in tavola questo delizioso rosè…
Salmone al pepe verde e olive …inimmaginabile la perfezione di questo abbinamento, prossimamente pubblicherò nel dettaglio la ricetta con la quale ho recato questa estasi al palato.

miao, che buono sarà!



Il colore di questo spumante è davvero bellissimo: cerasuolo corallo acceso, in grado di accendere subito un’allegria inaspettata.

Mio marito al primo assaggio, ha dichiarato estasiato: “Mai assaggiato un vino del genere”

Ha un perlage fine, esuberante, vivacissimo nella flûte, è in grado di conquistare immediatamente chi lo degusta, anzi capace di catalizzare completamente l’attenzione sin dal primo approccio olfattivo: vi si avverte con distinzione la fragranza e la densità dei profumi di ribes, mirtillo, lampone, tanto da evocare la crema pasticcera.

Al gusto e’ incredibilmente morbido, piacevolissimo e vi si nota un gioco di contrasti tra la dolcezza del frutto e la sapidità dell’acidità, permanendo sulle papille gustative pieno, rotondo, equilibrato al palato.
Il Brut Arunda Rosè è affinato per un periodo di almeno 24 mesi.

Composizione
50 % Pinot Bianco
50 % Pinot Nero
Dati analitici
Alcol: 13.5 %Vol
Aciditá: 6,0 gr/l
Estratto secco 20,0 gr/l
Dosaggio 8,0 g/l
_____________________________________________________
In definitiva…

Credo sia palese che questi spumanti ci hanno conquistati senza remora alcuna, come neanche avremmo immaginato.


Voglio sottolineare che  la produzione Arunda-Vivaldi comprende una gamma di ben otto tipi di spumante prodotto secondo il metodo classico di fermentazione in bottiglia, ciascuno dotato di caratteristiche organolettiche peculiari, fatti quindi per essere gustati sia come aperitivo, sia durante pasti, accostandoli a gusti diversi.
Inoltre Arunda-Vivaldi mette a disposizione dei clienti alcuni consigli per la degustazione dei propri spumanti, affinché si possano assaporare appieno, gradendo (anzi dandovi grande importanza) sempre le nostre impressioni dopo l’assaggio.

Vi invito quindi a visitare il sito, scoprirete nel dettaglio le diverse proposte di spumanti di altissima qualità Arunda, che sapranno di certo positivamente stupirvi come è accaduto a me.


Arunda Cantina Talento – Metodo Classico –

V. Prof. Josef-Schwarz 18
39010 Meltina (BZ) –
Tel. 0471 668033  
Fax 0471 668229

info@arundavivaldi.it



Annunci

64 pensieri riguardo “Arunda-Vivaldi. Bollicine dall’Alto Adige!

  1. che bella presentazione! queste bollicine mi piacerebbe davvero assaggiarle ma non ho mai visto in giro questi spumanti….spero si vendano anche nella mia zona….provo a chiedere info nella mail che hai lasciato!

    Mi piace

  2. stasera questi spumanti sarebbero stati perfetti con la mia cena di s.valentino ma visto che organizzo spesso delle cene a tema non è mai troppo tardi…..vado nel sito per vedere dove rintracciarli.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...