Cous cous alla Lifest! Il vino? Grillo Settesoli :-)

Lo so, lo so, sto ancora trascurando la rubrica Mangiare e bere del mio blog…ma la dieta prolungata mi ha portata paradossalmente a cucinare meno in generale: in casa tutti a dieta, in pratica *_*
Tuttavia oggi voglio proporvi un piatto etnico di sicuro effetto, gusto assicurato ed adatto anche a chi è a dieta, in quanto -come piatto unico- ha una quantità relativamente bassa di calorie: il cous cous.
Intendiamoci, 100 gr. di cous cous hanno all’incirca le stesse calorie di 100 gr. di pasta comune, la differenza è la resa nel piatto: ovvero per una porzione apparentemente abbondante, bastano 40-50 gr. di cous cous a crudo. Per il resto si tratta di verdure, petto di pollo a parte, risaputamente light.


Ok, prendete carta e penna, se fate parte della schiera dei followers tradizionalisti, oppure salvate questo post se invece siete esperti informatici (ma anche inesperti :-P)

Attenzione, le dosi che utilizzo hanno per lo più l’unità di misura q.b., nel senso che non peso alcuni ingredienti, ma ad occhio mi rendo conto delle proporzioni.  Per esempio il sedano è l’ingrediente principale di questa ricetta, ne metto molto, circa 4 coste grosse per due persone, foglie comprese, ma il peso che propongo è indicativo.
Ingredienti (in ordine di utilizzo)
  • Sedano circa 200 gr
  • carota 1 non troppo grande (o se ne esalterà il sapore dolciastro)
  • mezza cipolla
  • ceci precotti una scatola
  • petto di pollo 150-200 gr. (n.b. se siete vegetariani, potete ometterlo, il sapore generale non ne risentirà)
  • sale q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b. (un cucchiaio è più che sufficiente a mio parere)
  • ½ dado, se lo gradite (secondo me ci sta bene)
  • peperoncino q.b.
  • cous cous (io uso il precotto, ma in giro si trova anche quello classico) 100 gr.

Procedimento
Cominciamo con il lavare tutte le verdure accuratamente.
1° metodo. Cominciando dal sedano, tagliarlo a pezzetti molto piccoli e mettere in un tegame ampio ricoperto da poca acqua. Aggiungere la cipolla sminuzzata e la carota (io la grattugio a grana grossa, ma la si può tagliare a cubetti minuscoli), mettere sul fornello e portare ad ebollizione, poi abbassare la fiamma al minimo e lasciar cuocere per un po’.
La mia variazione sul tema: Lascio appena il tempo di scottare sedano e cipolla, poi con un frullatore ad immersione riduco in crema grossolana gli ortaggi (semplicemente perchè non amo sentire i pezzi di sedano e cipolla al palato). A questo punto grattugio la carota (a grana grossa) e continuo la cottura aggiustando di sale e aggiungendo il peperoncino sminuzzato (il sapore piccante si deve sentire, non lesinate). Se la gradite, grattugiate anche mezza zucchina, il sapore sarà ancora più ricco.
Quando i primi ingredienti avranno  preso la prima cottura, aggiungere la scatola di ceci (acqua di cottura compresa) e lasciar amalgamare (sempre sul fornello) i sapori per un po’, dopo di che aggiungere il pollo tagliato a cubetti piccoli e lasciar cuocere tutto insieme.
Quando la consistenza andrà compattandosi, fino ad essere piuttosto cremosa, spegnete il fornello.
A parte, mettete sul fornello un pentolino con acqua salata leggermente (oppure con mezzo dado, come dicevo), portate ad ebollizione e poi spegnete. Versate il cous cous nell’acqua bollente (a fuoco spento, ripeto) e lasciate riposare qualche minuto (leggete sulla confezione di quanti minuti  il vostro cous cous abbia bisogno per reidratarsi…di solito più o meno 5), dopo di che avete due chances: quella tradizionale e quella “lifestiana” ovvero la mia personalizzata.
Tradizionale: formate un anello di cous cous nel piatto ed al centro riponete le verdure cotte precedentemente. L’aspetto sarà probabilmente più bello a vedersi, questo lo ammetto, ma mangerete il cous cous a parte accompagnandolo “manualmente” alle verdure (una forchettata di cous cous intinta di volta in volta nel sugo di verdure).
Metodo mio personale: Trascorso qualche minuto ad ammollare nel brodo (o acqua salata, de gustibus), ma tenetelo al dente, poi  scolate il cous cous e versatelo nel preparato di verdure e carne, riaccendete il fornello a fiamma viva e lasciate che i sapori si amalgamino, poi finalmente servire in tavola, accompagnato da un buon vino.
A questo proposito, propongo l’abbinamento con un vino Cantine Settesoli.
Il Grillo Settesoli si presenta alla vista di colore giallo  paglierino scarico con buone  sfumature verdognole.
All’olfatto offre un profumo decisamente floreale, con note di fiori d’arancio e sentori di ananas e limone.
Al gusto invece dona  sapore piacevolmente sapido e persistente con una gradazione alcolica del 12.5 % vol
Il Vitigno è  Grillo 100% ed è classificato  come bianco di Sicilia DOC e va servito fresco.
Ricorderete infatti (vedi QUI i post precedenti) che il territorio di origine dei vini Cantine Settesoli è la  Sicilia sud occidentale, Menfi  (AG)


Gli abbinamenti consigliati dalla casa sono formaggi freschi, tabule’ e antipasti a base di pesce.

Io mi permetto di consigliarvi, oltre al cous cous appena presentatovi, anche un antipastino tutt’altro che meridionale o etnico, come il piatto fresco valtellinese in foto, composto da caprini valtellinesi di pura capra 100%, bresaola, rucola e scaglie di parmigiano reggiano, irrorato da olio extravergine di oliva. Più che un antipasto, un piatto unico 😀
Oppure con un risotto nero (con riso Venere) alla zucca e salvia, dal gusto molto particolare ed intenso che si sposa bene al sapore sapido e persistente del Grillo Settesoli.

Buon appetito!!!

Annunci

18 pensieri riguardo “Cous cous alla Lifest! Il vino? Grillo Settesoli :-)

  1. Hai preparato un aricetta deliziosa con ingredienti ottimi, complimenti la voglio provare ach'io! Ottimo anche il vino che hai accompagnato alla ricetta e che presenti, vado a visitare il sito!

    Mi piace

  2. Ho scoperto da un annetto il cous cous e non lo mollo piu'.
    Come hai sottolineato tu, e' un piatto abbastanza dietetico e che soprattutto sazia tanto. Solitamente lo faccio con le classiche verdurine, questa tua versione la trovo molto sfiziosa. Ci hai poi abbinato un ottimo vino!!!

    Mi piace

  3. Ma sai che vado matta per il cous cous? Solo che in giro sul web non avevo mai trovato ricette che fossero di mio gradimento (per esempio non mi piace il pesce, quindi escludo le versioni di mare)…
    Questi ingredienti invece li amo tutti!!! E vogliamo parlare del vino? Ti consiglio della stessa cantina anche il Grecanico, è buonissimo 🙂

    Mi piace

  4. anche io sono una patita di cous cous e quando arriva questo periodo inizio a prepararlo con entusiasmo!!! Non ho mai provato questa versione che faro' di certo mentre il Grillo Settesoli è uno dei miei vini preferiti!

    Mi piace

  5. Devo confessarti che ho sempre odiato il cous cous, sarà perché la prima volta lo vidi cucinato a casa di mia cugina, non aveva un aspetto così buono, vedendo il tuo piatto invece devo ricredermi, sembra buonissimo… quasi quasi lo mangerei volentieri accompagnato anch'io da questo buon bicchiere di vino 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...